http://www.high-speed-dirt.com/wp-content/uploads/2013/07/nuovatestatahsd.jpghttp://www.high-speed-dirt.com/wp-content/uploads/2013/07/hsdhome2.jpg
  • The Unbearable Heaviness Of The Heart
  • Foolish
  • Unexpected Destiny
  • Day by Day
  • Read It In My Eyes

New EP Review – Underground Metal Alliance (ITA)

Dopo quattro anni dall’esordio discografico (“Playing Hard” del 2012), tornano i High Speed Dirt, e lo fanno dando alle stampe un Ep di alto livello. Con “Unbearable” la band mette assieme una manciata di canzoni da cui traspare una maturità compositiva non comune. Cinque brani, cinque gioielli dalla carica Rock che non possono lasciare indifferenti. Le composizioni spaziano in quel territorio grigio tra Hard Rock e Metal, mischiando una buona dose di cattiveria ed intensità ad una ricerca della melodia e del ritornello efficace. Pezzi ben strutturati, sostenuti da riff gustosi e di facile memorizzazione, (ma non per questo banali) e riescono a mostrare una certa personalità nonostante si muovano in un contesto musicale dove il rischio di essere ripetitivi o di sembrare la copia di qualche canzone da band più blasonate sia altissimo. La sezione ritmica fornisce una solida e dinamica base su cui possono poggiare l’ottima prestazione vocale, pulita ed in grado di trasmettere la giusta emotività, e le trame chitarristiche, che tra fraseggi e assoli di pregiata fattura danno un notevole valore aggiunto ai brani. Un’ottimo lavoro, che scorre piacevolmente senza intoppi dalla prima nota all’ultima (e la citazione de “Inno alla gioia” è una ciliegina in più).
JESUS

L’EP “Unbearable” (con una front cover memorabilmente ironica che ho amato) si apre con un brano che mi è proprio piaciuto. Ammetto di dovermici abituare ogni volta ai timbri vocali così alti ma questa volta è stato semplice. Probabilmente perché il pezzo è davvero orecchiabile. Sui due piatti della bilancia abbiamo il metal classico alla “Iron Maiden” ed un buon hard rock fatto seriamente! Il tutto registrato e mixato credibilmente, non creando il tipico sound “chitarra-centrico”. I riff sono catchy ed in generale il lavoro degli Highspeeddirty mi è piaciuto. Non si tratta dell’innovazione, questo è poco ma sicuro, ma lo è tanto quanto il fatto che all’interno di un genere così inflazionato la band di Milano, attiva da 15 anni, ha fatto centro. Io tifo per voi! Long live Rock ‘n’ Roll!
AYLA

“Un catchy ed alquanto coinvolgente mash-up tra sonorità rock classiche alla Foo Fighters e venature frizzanti e briose alla Blink 182, coronate da una voce carica e dai toni brillanti che per certi versi mi ha ricordato un po’ una versione rock e meno aggressiva – più adatta al soundscape presentato – di Bruce Dickinson mi hanno accolto fin dalle prime manciate di secondi di Unbearable, EP degli Highspeeddirt. Un ascolto vivace, dinamico, nulla di particolarmente innovativo ma comunque piacevole. Una menzione speciale va alla cover art del disco, molto divertente, leggera, originale e personalmente inaspettata. Keep on rocking, guys!”
VERA

“Insopportabile”? Sì, ma solo di nome e non di fatto. Questo EP infatti propone un hard rock/heavy metal che mischia con efficacia elementi del rock/metal datato e di quello moderno, in modo di accontentare anche i fan del rock dei tempi che furono senza per questo suonare vecchio e da essere pienamente soddisfacente anche per chi cerca dell’ heavy metal che sia diverso dalle solite band che tentano di imitare gli Iron Maiden o una qualsiasi altra band del genere. Una prima di prova di ciò è una opening track da considerarsi un vero e proprio capolavoro del genere, ossia “The Unbearable Heaviness of The Heart”; ha davvero tutto: strofe coinvolgenti, fraseggi di chitarra ancora più efficaci e un ritornellone orecchiabile. Insomma tanti pregi e nessun punto debole! Non che la successiva “Foolish” sia molto da meno. Anche qui ci troviamo di fronte a richiami all’ hard rock datato modernizzati, oltre a melodie orecchiabili ed anche bellissimi assoli. Buona anche “Unexpected Destiny”, nel quale arriva anche un inaspettato richiamo all’ Inno alla Gioia ad inizio assolo. Molto particolare la successiva “Day by Day”, molto rock ma allo stesso tempo quasi dolce per via delle sue melodie. Notevole anche il fatto di collegare con una simile naturalezza una strofa chiaramente rock anni 80 con una marcatamente rock moderno. Molta dolcezza ed orecchiabilità anche nella splendida stofa della conclusiva “Read It in My Eyes”, che però presenta anche tinte allegre quasi “happy metal”. Insomma, se gli Highspeedirt continueranno così, potremmo dire di trovarci di fronte ad una band di punta del genere! Melodie sempre orecchiabili ma mai banali, ottimi fraseggi di chitarra, ed una voce capace di spaziare dal cantato pop-rock ad acuti che farebbero invidia anche a Bruce Dickinson si rivelano una ricetta vincente. Quindi che vi piaccia l’ heavy metal o il rock o persino il power metal (le melodie comunque lo ricordano), che vi piaccia quello datato o quello moderno, questo è un lavoro assolutamente da ascoltare!
FRANCESCO

Fonte: Underground Metal Alliance

New EP Review – MetalWave.it (ITA)

Davvero bello questo secondo Ep per la band milanese Highspeeddirt, che a scapito della breve durata dell’Ep (18 minuti) riesce a mostrarci appieno le proprie capacità, grazie ad uno stile costantemente a cavallo tra l’heavy metal e l’hard rock (predominante) davvero ispirato, tra le cose migliori sentite in quest’ambito recentemente.
Il pregio della band è mostrato in tutti i brani ed è sempre lo stesso: l’alta forma di maturità e di ispirazione che prende ad esempio l’opener e che grazie ad un ritornello decisamente ispirato riesce a convincere sulla qualità dello stesso, e questo avviene anche per i brani successivi, che a volte sono un po’ più metal, come in “Foolish”, e altre volte è più easy listening, come “Day by Day”, molto buona come singolo, e tutto questo per un ostile senza esasperazioni o senza forzature ma anzi graziato spesse volte dall’andare tranquillamente in maggiore e da una solista decisamente ispirata, come “Unexpected Destiny” dove senza alcun problema si va a citare la composizione classica dell’”Inno alla Gioia”! Stupefacente, ma vero. Chiude benissimo una “Read it in my eyes” che conferma tutto ciò che è stato detto per questo “Unbearable”, un Ep che di “Insopportabile” ha solo il nome e non certo il contenuto. Incredibile, vista la breve durata dell’Ep.
In conclusione, cari amanti della musica anni 80: se state cercando la new sensation in questo genere, non cercate oltre: gli Highspeeddirt e questo “Unbearable” sono ciò che fa per voi. Band da tenere sott’occhio.

Fonte: MetalWave.it

Unbearable is here!

As promised, we’ve done releasing our new EP on Bandcamp!
You can listen to it for free using the site player or visiting the album page.

Don’t forget to leave a comment and spread the word to your hard rockin’ friends!

Get ready for an unbearable weekend!

unbearable_profile_2

That’s it, we’re finally ready!

We’ve just received the final mastered tracks of our new EP – Unbearable – directly from Finland and we are ready to release them.
On june 10th we’ll release the full EP on our Bandcamp account and on this site, followed by other releases on both ITunes ans Spotify!

Stay tuned!!!

 

“Tragic Ending” videoclip released!

Here we are!

Almost a year has passed but we are proud to announce that we finally released our first videoclip!
Thanks to everyone that helped us out, it has been a lot of fun!

Hope you guys enjoy it!

Shooting of the “Tragic Ending” videoclip has ended

After 3 shooting sessions, our first videoclip is now in the post-production phase.

We want to thank everyone who worked hard to make this possible: directors Piersante di Biase and Gustavo Cammarota, actress Martina Campanelli and makeup artist Chiara Calabrò.

You guys (and girls) are amazing!

 Page 1 of 2  1  2 »